La figlia di Ar | Commenti

Elide Sorrenti

Carissima Lidia, mi consenta questo approccio confidenziale, giustificato dal fatto che, qualche tempo fa alla Scala, ho avuto la fortuna e l’avventura di incontrare, in modo del tutto casuale, una poetessa. E i poeti non si possono che amare! Le scrivo un po’ in ritardo per ringraziarla delle Sue due

Leggi

Giuliano Ladolfi

Nella pubblicazione “La figlia di Ar” ritrovo quell’ampiezza di ispirazione rara nella poesia contemporanea, troppo spesso limitata o a un solipsismo narcisistico oppure a una fotografia nella realtà. Qui lo spirito spazia nell’universo e dall’infinitamente piccolo si dilata all’infinitamente grande, senza trascurare l’aspetto emotivo che qualifica l’uomo non solo come

Leggi

Massimo Bucciantini

Gentilissima Lidia Sella, ho finalmente letto le sue poesie che così cortesemente mi ha voluto donare. La figlia di Ar,con il suo sottotitolo “appunti interiori”, mi è piaciuto molto. “Seduta sul bordo della luna…”, così calviniana… Ma anche Destino, Lieve, Solitudo… Anima/Polvere d’oro / che torna / alle stelle Complimenti!

Leggi

Giovanni Raboni

Cara Lidia Sella, ho letto con piacere i suoi “appunti interiori” e gli altri scritti che mi ha gentilmente fatto avere apprezzando sinceramente la sensibilità, l’attenzione, la capacità di stabilire nessi e intuire significati che con tanta evidenza ne traspaiono.