Amore come…

(Pubblicato da Sonzogno, in 20.000 copie, nel Febbraio 1999 – testo esaurito)

QUARTA DI COPERTINA

L’amore è quella luce che ti illumina  dentro,
un ritaglio di fiaba al centro del tuo mondo,
bellezza che trasfigura, divino incanto, mistero della perfezione…
É l’angelo che ti seduce e ti salva, come un sogno scivolato fuori
dalla notte per raccontarti la verità dei tuoi sogni.

Lidia Sella

L’eternità delle tue braccia. Inferno, paradiso, ogni cosa,
tutto dentro di te si rispecchia all’infinito…

Franz Liszt

Amami solo per amore: si ama così per sempre, per l’eternità.

Elisabeth Barrett Browning

Ho chiuso gli occhi su di me, sono tuo.
Tutta la mia vita ti ascolta.

Paul Eluard

Quando l’amore vi chiama, seguitelo.
Anche se le sue strade sono ardue.

Gibran

Io t’amo per cominciare ad amarti, per ricominciare l’infinito,
per non cessare d’amarti mai.

Pablo Neruda

PREFAZIONE DELL’AUTRICE

Mi dichiaro colpevole…
colpevole
 di essermi lasciata guidare, nella scelta degli aforismi, da criteri alquanto soggettivi e di aver ridotto poesie lunghissime a pochi, preziosi versi;
colpevole
 di aver ricavato magari una sola frase da romanzi di centinaia di pagine, di aver “ritagliato” da certi dialoghi teatrali unicamente le battute più intriganti e di aver interrotto dolcissime lettere d’amore in una nuvola di puntini…;
colpevole
 di aver “lievemente” modificato alcuni brani e di aver tradotto qualche parola a modo mio, nel tentativo di rendere il testo più musicale, più fresco, più immediato e, soprattutto, più coerente con la logica di questo libro;
mi riconosco colpevole, inoltre, di non esser riuscita a nasconder più di tanto le mie simpatie letterarie;
e mi ritengo colpevole, infine, di aver definito i gesti, le occasioni e i sentimenti dell’amore, limitandomi al semplice racconto di ciò che ho potuto osservare attraverso il cannocchiale della mia personale esperienza e sensibilità…


PRESENTAZIONE

Sogno, illusione e speranza oppure collera, incomprensione e tradimento? Bacio, carezza e desiderio o piuttosto abbandono, attesa, nostalgia? Qual è il vero volto dell’amore? Dove si nasconde Cupido? Prima si libra leggero sulle vette della dolcezza e della meraviglia e poi, tutto d’un tratto, te lo ritrovi incagliato sulle secche dell’odio e della delusione. Già, proprio così: non c’è nessuna regola. La passione segue sentieri misteriosi: inutile sforzarsi di capirla, rincorrerla, arginarla. Quello che conta, invece, è accorgersi della sua presenza, intuirne la magia, decifrarne i messaggi. Talvolta il segnale giunge forte e chiaro e allora ecco che all’improvviso, come per incanto, noi cadiamo vittime di un semplice sorriso, perduti in quell’abbraccio che ci innamora, risucchiati nel vortice luminoso e segreto dell’incontro. Però bisognerebbe esser capaci di percepire il sublime fluido del sentimento persino attraverso la cortina fumogena dell’infelicità e del dubbio, dentro i vapori della paura e della gelosia. Ebbene, è appunto a questa meta che sembra indirizzarci “Amore come…”, ultimo anello della collana “I segreti dell’amore”, un Tascabile Sonzogno che da qualche giorno è in vendita nelle edicole.
In questo libro – curato da Lidia Sella, una giornalista alla sua prima esperienza editoriale – l’amore appare difatti come un prisma dalle molteplici sfaccettature. Qui la passione amorosa viene analizzata a tutto tondo e definita grazie a un percorso che si snoda attraverso innumerevoli tappe. Lidia Sella si è servita di immagini spesso poetiche per illustrare gli scenari più tipici del del rapporto di coppia. Per ognuno degli argomenti trattati ha poi proposto un’ampia scelta di citazioni dove confluiscono celebri aforismi, brani di poesie più o meno note e frasi estrapolate dai grandi romana della letteratura di tutti i tempi.
La bibliografia consultata contempla più di 150 volumi. Si spazia dai lirici greci ai poeti latini, dall’ottocento francese, al romanticismo tedesco, dai Carmina Burana ai narratori d’oltreoceano; si passa da Shakespeare a Sandor Márai, da Buonarroti a Bukowski, da Dostoevskij a Khayyām; si riscoprono Pound, Eliot, Rilke, Ortega Y Gasset; si ascoltano volentieri la voce di Nietzsche e anche quella di Napoleone. E tra le donne che prendono la parola troviamo Saffo, la Dickinson, Sibilla Aleramo, Ada Negri, George Sand, Antonia Pozzi, la Achmatova e tante altre ancora. Insomma, una lettura indicata per chi desidera imparare il linguaggio del cuore. Il dono ideale, quindi, da offrire alla persona amata. Per San Valentino. E non solo.

DEDICA

A papà e mamma
che mi hanno regalato
il miracolo della vita
affinché io potessi
sperimentare
il miracolo dell’amore.